When I’m good, I’m very good, but when I’m bad, I’m better

Standard

Mae WestMary Jean West, passata ai posteri col nome d’arte di Mae West (New York, 17 agosto 1893 – Los Angeles, 22 novembre 1980) fu una star sotto vari aspetti: iniziò prestissimo la sua carriera teatrale, verso i cinque anni si esibiva già in numeri di vaudeville; successivamente passò al musical: un suo successo personale fu quando decise di lanciare lo Shimmy, un nuovo ballo che andò appositamente ad imparare nei bassifondi del South Side di Chicago. La nomea che questo le portò, unita al suo carattere deciso, le permise di rifiutare una proposta di ingaggio alle Zigfield Follies da parte di Florenz Zigfield in persona col pretesto che lei era abituata ad avere un rapporto intimo e diretto col suo pubblico, cosa che sarebbe stata impossibile nei grandi teatri di Mr Zigfield. Scriveva personalmente i propri testi, sia quelli teatrali che produceva anche da sé, sia cimenatografici, tutti ricchi di ambiguità e doppi sensi che facevano da contorno al suo lussureggiante e lussurioso aspetto fisico, Mae era infatti dotata di abbondanti curve che usava in maniera altamente strategica: ad esempio usando dei tacchi di 20 cm, e per riuscire a restare in equilibrio su questa sorta di trampoli inventò una camminata ancheggiante estremamente sensuale. I suoi testi non le fruttarono solo successi al botteghino, infatti “Sex”, nel 1926, fu considerata uno scandalo e valse all’autrice un periodo di reclusione.

In seguito Mae passò a cinema, sempre con le stesse determinazione e sicurezza di sé, scandalizzando l’America puritana e benpensante diventando il primo vero e proprio sex symbol del cinema; oltre a continuare a scrivere i propri testi si riservò anche il diritto di scegliere personalmente gli attori coi quali recitava, cosa molto raramente concessa ad altre attrici.

Il suo primo film è del 1932, sotto l’egida della Paramount, nel ruolo di coprotagonista in Night to Night: piccola parte, in realtà, ma la produzione le permise di riscrivere le proprie battute. Visto il successo le venne dato l’anno successivo il ruolo di protagonista in She Done Him Wrong (Lady Lou), a detta della critica il migliore film di Mae West. Celebri le sue battute rivolte ad un giovanissimo Cary Grant:

   – Nessun uomo l’ha mai fatta felice?

   – Certo. Un sacco di volte!

Oppure, quando lui la ammanetta:

   – Quanti uomini sarebbero stati più sicuri se le avesse portate già da tempo…

   – Ma… non saprei… non uso solo le mani, sa?

Il successivo film, I’m No Angel, sempre nel 1933 con Cary Grant, la vide interpretare una domatrice di leoni… e lei personalmente entrò con la frusta nella gabbia con le belve, senza usare controfigure; la scena è documentata nell’autobiografia della West. Battute famose con Cary Grant:

   – Lei è bellissima stasera

   – Io sono sempre bellissima di sera

   – Stasera siete particolarmente buona

   – Quando sono buona sono molto buona… quando sono cattiva sono meglio

   – Se solo potessi crederle…

   – Può farlo… Centinaia di uomini lo han già fatto…

Mae WestPoi verranno Belle of the Nineties nel 1934, e nel 1936 Klondike Annie e Go West Young man; nel 1937 Every Day’s a Holiday. Nel 1940, dopo la rottura del contratto con la Paramount, Mae interpretò per la Universal, assieme al comico W.C. Fields, la commedia My Little Chickadee (Mia bella pollastrella) che, nonostante alcune belle scene e battute frizzanti, non si rivelò all’altezza delle aspettative. Dopo The Heat’s ON, del 1943, film decisamente mediocre, la West decise di abbandonare le scene, pur restando nell’Olimpo dei divi di Hollywood: se ne rammenterà Billy Wilder, che nel 1950 le propose il ruolo di Norma Desmond in Viale del tramonto prima ancora che a Gloria Swanson; Mae rimase offesa da una proposta simile, interpretare una diva “finita”, e rifiutò.

Continuò la sua attività di attrice di teatro, riportando in scena la sua commedia Diamone Lil negli anni 1949-51, e pubblicò la propria autobiografia dal titolo Goodness Had Nothing to Do With It (La Bontà divina non ha nulla a che fare con tutto ciò). Tornò al cinema nel 1970, interpretando una parte che non era altro che la caricatura dei suoi vecchi ruoli di femme fatale nel film Il caso Myra Breckinridge, tratto da un racconto Gore Vidal, ed interpretato da Raquel Welch e John Huston; il film fu un disastro, Mae aveva accettato come al solito, con la condizione di potersi riscrivere le battute. La sua ultima interpretazione sarà nel 1978, alla veneranda età di 85 anni, nel film Sextette, al fianco di con Tony Curtis.

Morirà nel suo appartamento di Hollywood per cause naturali all’età di 87 anni.


Frasi celebri, un accenno

  • Hai in tasca una pistola, oppure sei solo contento di vedermi?
  • Non piangere se un uomo ti lascia. Il prossimo potrebbe innamorarsi dei tuoi occhi
  • Tra due mali scelgo quello che non ho ancora provato
  • Tieni un diario, e un giorno manterrà lui te
  • L’unica volta in cui una donna riesce a cambiare un uomo è quando è in fasce
  • Sono single perché sono nata così
  • Non sono un angelo, ma ho allargato un po’ le ali
  • Del buon sesso è come del buon Bridge. Se non hai un buon partner, meglio avere una buona mano
  • Una donna innamorata non può essere ragionevole, altrimenti non sarebbe innamorata
  • Tutti gli amanti scartati dovrebbero avere una seconda possibilità, ma con qualcun altro
  • Non strisciare mai da un uomo per amore… gli piace l’inseguimento
  • Non fare mai due volte lo stesso sbaglio… a meno che non convenga
  • Non sposare un uomo per cambiarlo… per questo ci sono i riformatori
  • Tutti gli uomini che incontro vogliono proteggermi… non capisco da cosa
  • Permettigli di darti una mano, e cercherà di mettertela dappertutto
  • Colui che esita è un dannato stupido
  • Non lasciare che si faccia delle domande per troppo tempo… potrebbe trovare le risposte da qualcun altra

Filmografia, da Internet Movie DataBase

  • Sextette (1978) …. Marlo Manners/Lady Barrington
  • Myra Breckinridge (1970) …. Leticia Van Allen
  • The Heat’s On (1943) …. Fay Lawrence
  • My Little Chickadee (1940) …. Flower Belle Lee
  • Every Day’s a Holiday (1937) …. Peaches O’Day
  • Go West Young Man (1936) …. Mavis Arden
  • Klondike Annie (1936) …. The Frisco Doll/Rose Carlton/Sister Annie Alden
  • Goin’ to Town (1935) …. Cleo Borden
  • Belle of the Nineties (1934) …. Ruby Carter
  • I’m No Angel (1933) …. Tira
  • She Done Him Wrong (1933) …. Lady Lou
  • Night After Night (1932) …. Maudie Triplett
Annunci

Informazioni su Mauretto

Cammino in un giardino tra i ricordi di altre persone, alle volte solo e alle volte no; posso incontrarne delle altre, o solo percepirne la presenza. A volte provo a raccontarlo, se lo desiderano. Maschio, adulto, gattaro, lettore accanito, pettegolo, dilettante per diletto, il tutto non necesssariamente in quest'ordine. Amo i libri, i gatti e... il resto è un mistero.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...