Orgoglio e pregiudizio

Standard

Ho appena finito di leggere Orgoglio e pregiudizio, di Jane Austen.

Bellissimo romanzo, molto inglese e molto ottocentesco: è il primo libro della Austen che leggo. L’ho trovato  molto lento, non pesante ma lento come lo scorrere di un bayou della Louisiana; Miss Elisabeth Bennet è un personaggio favoloso, e la scena del suo tête-à-tête con la terribilissima Lady Catherine de Bourgh vale da sola la lettura dell’intero libro. Darcy è strano… meglio dire che il suo iniziale orgoglio di casta svanisce una volta che si innamora di Elisabeth, e che fa di tutto per non far capire che inizialmente si vergognava di essersi innamorato di lei; poi ha questo modo arzigogolato di agire per evitare che qualcuno possa supporre che lui… e se agisco così allora lei potrebbe pensare che io penso che lei pensi… Elisabeth è molto più diretta, lineare ed analitica. Darcy sembra preso alla sprovvista dai sentimenti, da queste chimere che non sa come governare, Lizzy invece li studia come un matematico potrebbe fare con lo studio di una funzione, li conosce e non li teme e sembra non temere nulla, come dimostra il già citato incontro scontro con la Lady zia di Darcy, ma Lizzy sbaglierà nei suoi studi e capirà che i sentimenti non sono sottomessi alla ragione.

La psicologia di tutti i  personaggi del romanzo è molto ben affinata, i loro caratteri sono tratteggiati con dovizia di particolari anche quando si tratta di soggetti di poco rilievo nella narrazione, le atmosfere sono rese molto bene, e le descrizioni dei luoghi sono dettagliate come potrebbero esserlo solo in quadro.

Annunci

Informazioni su Mauretto

Cammino in un giardino tra i ricordi di altre persone, alle volte solo e alle volte no; posso incontrarne delle altre, o solo percepirne la presenza. A volte provo a raccontarlo, se lo desiderano. Maschio, adulto, gattaro, lettore accanito, pettegolo, dilettante per diletto, il tutto non necesssariamente in quest'ordine. Amo i libri, i gatti e... il resto è un mistero.

Una risposta »

  1. Splendido libro, risente del clima letterario del tempo.Se ti piace la psicologia dei personaggi e decidi che puoi farcela ad affrontare i contemporanei seri, prova Yehoshua. Consiglio caldamente ‘Viaggio alla fine del millenio’, per l’interpretazione ampia, lucida e libera delle relazioni – anche amorose – fra gli umani e per il contributo storico alla genesi dell’ebraismo. A seguire, ‘L’amante’, ‘Il responsabile delle risorse umane’ e poi vedi tu, la bibliografia è ampia. Ho trovato magnifico ‘Un divorzio tardivo’
    La solita zanzara

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...