La genesi di un’opera d’arte di Ale

Standard

Da una discussione sul forum di Maria Antonietta, gli adattamenti li ho aggiunti in corsa per i non addetti ai lavori e per chi, a differenza nostra, non passa una larga parete del proprio tempo libero a farsi i cazzi di gente morta da secoli

Mauro: Maria Amelia [moglie di Luigi Filippo d’Orléans, re dei francesi] ritratta con la parure di Maria Antonietta: neanche dei gioielli del genere riescono a farle mutare la sua abituale espressione allegra, giuliva e felice [in tutti i suoi ritratti ha quest’espressione; perfino da giovane, ma con l’età peggiora notevolmente]

Ale: mi sbaglierò, ma per me Maria Amelia era stitica! Un Falqui avrebbe giovato secondo me.

Nel frattempo notiamo assieme ad altri iscritti al forum che quegli zaffiri figurano anche in ritratti di Joséphine Beauharnais, prima moglie di Napoleone, e di sua figlia Hortense, regina d’Olanda; ma in un altro quadro Maria Amelia ha gli stessi zaffiri su cui spunta qualche perla, e ci chiediamo se avesse due parures quasi identiche, da cui le battute seguenti.

Mauro: I gioielli potrebbero essere passati da Maria Antonietta alla Pina, però. Di certo li ha usati Ortensia, se la didascalia della foto lo riporta.

Ale: Io dico che Mme Falqui ha pensato “Cavoli sono diventata finalmente la regina di Francia, mio marito c’ha la banana sulla testa, io mi frego la parure della Beauharnais, me ne faccio un’altra uguale, le metto tutte e due e voglio vedere se non mi ammirano!” [Luigi Filippo aveva sempre una pettinatura improbabile, antesignana di quella di Little Tony e di Bobby Solo]

Mauro: e qui hai segnato la mia rovina totale:ho appena avuto una visione di Gigi Pippo [Luigi Filippo, il marito della Maria Amelia in questione] vestito da rappone nero, col viso spalmato di lucido da scarpe, che cantava Day-O…

Day-o, day-ay-ay-o
Daylight come and he wan’ go home
Day, he say day, he say day, he say day, he say day, he say day-ay-ay-o
Daylight come and he wan’ go home

Ale: beh se ti fa piacere pensa a Mme Falqui che fa pendant col marito e balla con lui con la parure della Pina-Hortense-Orléans e il gonnellino di banane alla Joséphine Baker!

Mauro: Ti tocca, amore: la disegni!

Naturalmente il mio favoloso uomo ha raccolto la sfida… come se ci fosse bisogno di istigarlo a far certe cose: di seguito il confronto tra la vera Joséphine Baker e la Maria Amelia di Ale

Annunci

Informazioni su Mauretto

Cammino in un giardino tra i ricordi di altre persone, alle volte solo e alle volte no; posso incontrarne delle altre, o solo percepirne la presenza. A volte provo a raccontarlo, se lo desiderano. Maschio, adulto, gattaro, lettore accanito, pettegolo, dilettante per diletto, il tutto non necesssariamente in quest'ordine. Amo i libri, i gatti e... il resto è un mistero.

»

  1. @Smaoineamh: Rispetto al discorso che si faceva manca nel disegno Luigi Filippo, truccato da nero, che canta Day-O… ma -testuali parole di Ale-:
    “No il re pera con la banana sulla testa che ammira i gioielli grossi come angurie della moglie…no!”

    @Aubade : grazie per i complimenti. E ancora non ci hai conosciuti dal vero! 🙂

    @EligRapHix: abbastanza, direi

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...