Diario di viaggio, capitolo quinto: boia mondo, com’è cambiata Parigi dai tempi di Arletty

Standard

Arriva il sabato, e sempre sulle tracce della sempiterna Marie-Antoinette avevamo programmato una visita al castello di Compiègne: per arrivare alla ridente cittadina ci dobbiamo fare un viaggio in treno di un’ottantina di km, con partenza dalla Gare du Nord; già si comincia bene, suglio orari ferroviari figurano due stazioni che si chiamano Gare du Nord a Parigi. Lo scopo è gettare nella confusione i viaggiatori, e di far capire a quelli che prendono i treni che la Gare de Paris Nord è una figata, coi treni che vanno all’estero, mentre la Gare du Nord è quella proletaria, coi trasporti locali e suburbani: peccato che siano la stessa stazione, e che la reale distinzione riguardi solo i binari sui quali arrivano i diversi convogli.

Arriviamo di buonora e facciamo i nostri bravi biglietti, carissimi tra l’altro: le ferrovie francesi pretendono 13 euri e 40 per una tratta di 80 km in seconda classe, con un treno simile ai nostri interregionali, contro la media degli 8,50 per una tratta equivalente in Italia ma in Intercity. Me cojoni. E il servizio non è esageratamente migliore di quello di Trenitalia (è vero che peggio non può essere). Mentre facciamo coda allo sportello siamo deliziati dalla vista di un oggetto, un’installazione (forse) artistica, delle dimensioni di un’edicola, che in pratica è un macchinario con pareti trasparenti in cui si vede girare una ruota dentata che aziona movimenti e lucine varie, e che ad ogni fine del giro fa aprire degli sportelli nella parte superiore per far uscire dei fiotti di fumo bianco; sembrava un aggeggio fatto col meccano ma molto, molto più grande dei giocattoli che costruivo da piccolo. Per evitare di passare un’ora a guardare codesto tafanario (1) facciamo due passi fuori, e scopriamo che se le zone attorno alle stazioni sono sempre zone di degrado, quella attorno alla Gare du Nord lo è più delle altre: non si conta il numero di clochard che abbiamo visto dormire sui marciapiedi, ma di certo non ne avevamo mai visti tanti tutti assieme. Dopo una decina di minuti di passeggiata ci rendiamo conto la Gare du Nord è un’istituzione fondata sul piacere, infatti nelle immediate adiacenze abbiamo trovato almeno cinque porno shop e due cinema porno già aperti alle nove del mattino. Se Arletty dovesse passare da quelle parti oggi non riconoscerebbe più la Parigi di quel film che le è rimasto appiccicato addosso per tutta la vita, Hotel du Nord. Che film è, chiederete voi? E io che ne so? Con lei ho visto solo Madame Sans-Gêne! Fa chic, tuttavia, pavoneggiarsi con arie da cinefilo.

Arrivati a Compiègne facciamo a piedi il piccolo tratto tra la stazione ed il castello: la cittadina, per quel poco che abbiamo visto, è molto graziosa, ordinata e pulita. Un’attrazione locale sono i tre Picantins : tre statue che battono le ore sulla torre dell’orologio del municipio, vestite con abiti cinquecenteschi a rappresentare i tre nemici della Francia di allora: Flandrin le Flamand, Langlois l’Anglais e Lansquenet l’Allemand, e questi tre te li ritrovi disegnati dappertutto quando si parla di una qualsiasi manifestazione cittadina oppure di un negozio caratteristico; un po’ come la sempiterna gondoletta veneziana, magari con la lucina dentro. Davanti al municipio c’è una statua di Giovanna d’Arco, che ha più una posa da Marianna o da Libertà che guida il popolo (Delacroix) che non da eroina guerriera; sul basamento sotto la statua è riportata una frase della Pulzella: J’irais voire mes bons amis de Compiègne, ed è stata l’ultima cosa che ha fatto perché gli inglesi l’hanno presa proprio in quell’occasione; mi sa che avrei dovuto avere una mezza idea che Compiègne possa portare pegola quando l’abbiamo vista.

Il castello ha l’aria un po’ dimessa, manca molto del lustro di Versailles o di Fontainebleau o del Louvre, non è esattamente splendido splendente. Come quasi molte delle ex residenze reali è un museo, ma per non farsi mancare nulla ne ospita tre: il Museé du Chateau propriamente detto, il Musée du Second Empire con il suo sotto-museo dedicato all’Imperatrice Eugenia, e il Musée de la Voiture. Che bello, direte voi. Che fregatura, rispondo io: si, perché il museo del secondo impero era chiuso per restauri, il museo delle vetture è visibile solo con un conferenziere che non era disponibile, gli appartamenti di Maria Antonietta e Luigi XVI idem, sono accessibili solo in determinati giorni perché a quanto pare a Compiègne hanno solo dei conferenzieri part-time, con orari a singhiozzo.

Non posso dire nemmeno troppo bene dello stato di manutenzione di tutto il castello ed il parco, ho visto molto meglio girando per musei che non avevano la pretesa di essere parte dei Musée Nationaux; è pur vero che tutti i soldi che lo stato stanzia per questi capitoli di spesa vanno a Versailles, e per gli altri emette la sentenza di Bartolomeo Pandetta: “Arrangiati e spera” (da Zio Paperone e il ricupero… armato, testi di Rodolfo Cimino, disegni di Giorgio Cavazzano: “[…] il tribunale ha emesso la sentenza di Bartolomeo Pandetta – E sarebbe ? – Arrangiati e Spera […] “).

Siamo arrivati un po’ tardino, tra una cosa e l’altra, e visto che aspettavamo due gentili donzelle che sarebbero dovute forse arrivare -forse- nel pomeriggio decidiamo di fare prima il giro del parco e poi la visita al castello. Appena giù della terrazza del castello, lungo il viale che porta al giardino, si vedono delle belle aiuole fiorite con peonie, dalie e rose, e dei grandi pergolati a volta ricoperti di bignonie che creavano delle gallerie ombreggiate. E basta, il resto del parco è lasciato quasi brullo, non arriva ad essere nemmeno un giardino all’inglese: solo alberi, prato spoglio e semi diserbato e qualche cespuglio sporadico, come se volessero sparagnare sul giardiniere. Ale ha una consuetudine, fotografa sempre i fiori col castello che fa da sfondo ogni volta che può, gli dico spesso che potrebbe fare un album dal titolo Fisiologia e metafisica floreale nei parchi dei castelli: stavolta è stato costretto a barare, ridotto a quasi sdraiarsi per terra davanti ad un ciuffo di fiori di campo che avevano tutta l’aria di essere stai buttati giù dal giardiniere fantasma tanto per fare, magari da una bustina di semi comprata al LIDL in primavera. Non bastasse, le uniche foto decenti che gli sia riuscito di scattare sono state funestate da una sposa con l’abito a meringa che continuava a fare il suo servizio fotografico in ogni angolo disponibile ed immaginabile, e da un tizio con annessa famigliola rompiballe che aveva un sesto senso per infilarsi in ogni inquadratura ogni santa volta che la sposa-meringa si levava di torno.

Pranzo al sacco, seduti sotto uno dei berceaux di bignonia, vedendolo da vicino si nota che sta perdendo i pezzi esattamente come i suoi colleghi sul resto dei viali; mentre sbocconcelliamo inorriditi i nostri panozzi con l’affettato notiamo un trio, affettato pure quello invece di essere “all’erta e pieno di brio”, formato da due uomini sulla cinquantina ed uno che aveva la metà dei loro anni, davano l’idea di essere una famigliola composta dalla nipotina con le zie, oppure l’allievo coi due insegnanti: pare essere una costante, certi luoghi e certe persone (per lo più morte, ma non è condizione necessaria) attraggono sempre la popolazione omosessuale come i fiori della buddleja davidii attirano le farfalle; infatti noi eravamo lì, farfallosi e sfarfallanti come al solito, intenti a notare che in Francia c’è la moda del pelo a vista. Si, da noi è abbastanza da burino per un uomo tenere aperti i bottoni della camicia fino all’ombelico, magari esibendo anche una catenina d’oro che nelle peggiori ipotesi può raggiungere le dimensioni di una catena da bicicletta; invece lì quasi tutti hanno di sicuro i primi tre bottoni aperti, due in caso indossino una polo (giusto perché hanno solo quelli)… oddio, non nego che in qualche caso sia anche divertente o molto gratificante poter infilare un’occhiatina in un bel décolleté generosamente fornito, ma temo ci sia una certa differenza tra il buongusto ed il voyeurismo a tutti i costi. Un’altra cosa da segnalare è la toilette del parco, una sorta di chioschetto a metà tra il contadino e la baracca da spiaggia: l’esterno per lo meno; l’interno è un disastro, evoca tutte le immagini descritte da Liselotte nella sua lettera stercoraria: la prossima volta la riporto a Parigi… ma che dico? Pure in Italia me la riporto!

Saputo che le ragazze non sarebbero venute iniziamo la visita al castello: gli interni sono notevoli, ed è un vero peccato che siano visitabili solo poche sale. Vediamo l’ennesimo letto di Napoleone, che a quanto pare dormiva dappertutto, ed è la riprova che era alto un puffo e una lattina (oppure dormiva seduto).
Dopo la delusione di trovare chiuso il museo del secondo impero finiamo il giro con le stanze del museo dell’Imperatrice, che credo sarebbe più corretto chiamare Museo del Principe Imperiale: mi pare fossero cinque stanze (non ho sottomano una piantina del castello, e la memoria non mi aiuta) in cui era conservata un’infinità d’oggetti appartenuti a Luigi Napoleone, il figlio di Eugenia e Napoleone III, che andavano dagli abitini che aveva quando era ancora sul seggiolone alle uniformi che indossava da bambino alla giacca che vestiva quando è morto assieme alla zagaglia usata dagli Zulu per ucciderlo.
Tutto questo mi dà l’idea che Eugenia avesse sviluppato un sorta di ossessione per il ricordo del figlio, ma credo che sia anche normale visto quanto gli era legata e visto che sei anni prima aveva perso anche il marito. Beh, con l’idea che ho sempre avuto di Napoleone III e di tutte le corna che metteva a sua moglie, se fossi stato al posto dell’Ugenì non mi sarei preoccupato troppo della vedovanza: tanto, lui già da vivo aveva l’elettroencefalogramma piatto.

Ho scoperto divertito che in un corridoio sono appesi ben due ritratti di una diva divina del secondo impero: Hortense Schneider, che fu la creatrice dei ruoli femminili più belli nelle più famose operette di Offenbach, quelle che di solito vengono definite “l’Offenbachiade”: La Belle Hélène, Barbe-bleue, La Grande-Duchesse de Gérolstein, la Périchole.

Ci si riavvia, e già che siamo di strada si visita anche la chiesa di Saint-Jacques, edificio che data dal 1200 o via di lì e che è l’antica parrocchia reale; usciamo dalla chiesa con la voglia di un gelato, che ci concediamo lungo la strada in una pasticceria-gelateria artigiana: ce lo serve una signora bionda molto cortese, con una cofana permanentata da fare invidia all’Antonella Clerici; io, beato e felice del mio cornetto mirtillo e pistacchio con la panna montata riesco a decapitare il ciuffo di panna alla prima leccata e a spatasciarlo sul marciapiedi davanti alla boccoluta madame. Ho infilato la mia brava figura da chiodi anche a Compiègne, ma era un po’ che era dietro l’angolo che aspettava di saltarmi addosso a tradimento, no? In via verso la stazione, col gelato in mano, ho anche costretto Ale ad aspettare che battessero le ore per vedere un po’ che numeri potessero fare i tre Picantins, del resto è noto che sono peggio dei bambini quando mi capitano per le mani queste cose: ci sediamo su una panchina davanti al comune, sotto la statua della Giovanna e aspettiamo. Oh, ‘sti tre citrulli hanno fatto solo un “dong” sulla loro brava campanella, e ciao! Dalla delusione e dal dispetto avrei voluto sputare in un occhio alla Pulzella, o è l’interazione con lei o è vero che Compiègne porta sfiga!


Note: 

1: tafanario è una parola veneta, indica principalmente il fondoschiena, dai quarti posteriori di equini e bovini sui quali si posano i tafani. Per traslazione indica anche un qualsiasi oggetto ingombrante.

Annunci

Informazioni su Mauretto

Cammino in un giardino tra i ricordi di altre persone, alle volte solo e alle volte no; posso incontrarne delle altre, o solo percepirne la presenza. A volte provo a raccontarlo, se lo desiderano. Maschio, adulto, gattaro, lettore accanito, pettegolo, dilettante per diletto, il tutto non necesssariamente in quest'ordine. Amo i libri, i gatti e... il resto è un mistero.

»

  1. @leggerevolare: anche io! Mi piacerebbe un sacco averne uno uguale… qui nei dintorni, in campagna, c'è una casa che pare tirata giù da una cartolina francese: tutta bianca, torrione, tetto blu a cono, abbaini e così via. Una follia architettonica, ma molto simpatica

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...