Che cosa sarebbe successo se la Contessa di Provenza si fosse lavata? Ep. 48

Standard

Nella tarda serata del 29 aprile del 1774 c’era confusione nella grande galleria di Versailles, ma una confusione diversa dalla solita folla vociante di cortigiani, valletti, scudieri, dame e cagnetti di varia natura. Si trattava di una moltitudine di valletti in livrea e di carpentieri che andavano e venivano indaffarati appendendo come potevano delle lavagne alle pareti, molte di dimensioni contenute e dopo qualche ora ne venne aggiunta una enorme, composta da diverse lastre di ardesia affiancate e lunga quasi la metà della galleria. Le lavagne erano tutte identiche, ed i servi scrivevano qualche cosa su ognuna per distinguerla dalle altre, e se la natura aveva dato loro delle doti minime vi facevano anche un piccolo disegno, che potesse essere un ritratto del loro padrone o un disegno che lo potesse ricordare; padrone del servo, chiaramente: le ardesie appartenevano tutte al mobilier royal. Livree multicolori gallonate d’oro o d’argento si avvicendavano coi gessetti, scrivendo nomi e nomignoli: Toni15, Gigione, Giupa, Ciccioprovy, Carletto, Fido0007, Heidielesuepecorelle, Giannadelbarile. Ciascuno dei servi, una volta assolta il loro compito, ritornava sui propri passi per lasciare spazio ad altri colleghi affinché potessero scrivere a loro volta in tranquillità, possibilmente lontano da occhi indiscreti ma no era certo una condizione assolutamente necessaria.

Un lacché con la livrea reale fu il primo a vergare delle parole, sulla lavagna intitolata a Toni15: «Toni15 ha stretto amicizia con Fido007» e «Toni15 a Gigione: Papà Roi è andato a mangiare dalla Creatura al Trianon e si è sentito male. È ritornato alla Reggia!», poi «A Toni15 piace “Limoni col pelo”».

Dopo un piccolo paggio nero si issò su uno sgabello per scrivere: «Giannadelbarile si è iscritta al gruppo “Fracando ben ghe sta de tuto”».
A sua volta, un altro valletto in livrea reale scrisse: «A Carletto piace “Tromba che ti passa”».

Di nuovo, il piccolo moro si impossessò del suo sgabello lasciando un messaggio: «Giannadelbarile a Toni15: Ciò Creatura dighelo a to sorea!»

Un nuovo valletto in blu scrisse: «Heidielesuepecorelle ha aggiornato il suo stato: Chiamate il vescovo di Parigi… igi… gi! Chiamate il cardinale de la Roche-Aymon… mon… mon!».
Sotto questa frase Zamore aggiunse fulmineo: «Giannadelbarile a Heidielesuepecorelle: addirittura el vescovo, xe solo el vitel toné sul stomego».

Un grosso gatto con parrucca e panier scrisse su un’ardesia un po’ discosta dalle altre: «Fido007 si è iscritto al gruppo: TERESONA FOR PRESIDENT».

Mentre un valletto in livrea reale aggiornava la bacheca intitolata a Gigione: «Gigione scrive: rien», ed un altro uomo in blu aggiornava la lavagna di Toni15: «Giupa ha invitato Toni15 a “L’ULTIMO BICCHIERE DELLA STAFFA”».

Graf Rex intanto pensava a trasmettere un messaggio del conte de Mercy: «Fido007 ha mandato un corriere privato a Teresona17: “Sacrissima, altissima, grossissima, stimatissima, egregissima imperial-real-maestà, qui le cosa vanno di male in peggio! Il Re è tornato ieri sera dal castello di Trianon, era assieme a m.me la contessa du Barry, si è seduto a tavola dopo essere andato a caccia (di bestie, non di donne) ma non ha toccato il cibo (pare che il vitel tonné non fosse di suo gusto), gli è venuta la nausea e la febbre, ha fatto chiamare La Martinière, il suo primo chirurgo che gli ha detto: “É a Versailles che bisogna essere ammalati”. Il re si è fatto trasportare subito alla Reggia. La contessa imprecava in serbo-croato. Il Re è passato dall’appartamento di Madame Adélaïde fino a che il suo letto fosse pronto (i valletti pensavano che avrebbe fatto zumpa zumpa con la contessa). Speriamo che non sia nulla di grave, Vi terrò aggiornata. Vostro devoto, prostrato, schiavo e umile servitore Fido”».

Un valet de la chambre appose la scritta: “Versailles NO BARA” sulla lavagna più grande, mentre un altro tracciava col gessetto una frase su una delle piccole: «A Carletto piace “La principessa sul pisello”», e subito sotto: «Fuffi, Dodi, Cicci etc a Carletto: Tu sei cattivo con me perché…».

Al suo fianco, un altro valletto reale scriveva: «Giupa si è iscritta al gruppo: OSTERIA NUMERO ZERO», per poi passare subito a scrivere sulla lavagna a fianco: «Giupa a Toni15: mi è appena arrivato un biglietto da parte vostra», e sotto: «Giupa a Toni15: dice “Al Re è stato dichiarato il vetriolo”. Non capisco!».

Dopo pochi minuti un nuovo valletto scriveva: «Toni15 a Giupa: giossetto?», frase cui fece seguito la comunicazione: «Giupa a Toni15: no grazie ho già dato».

L’ennnesimo valletto scrisse: «Ciccioprovy a Giupa: Madame, non cròdo che si tròtti di vetriolò, nostra sorella forse voleva dire scetriolò», mentre un secondo sopraggiungeva per aggiungere un altro messaggio: «Tony15 a Giupa: avevo scritto vaiolo! Vi siete bevuta il cervello?».

Una cameriera giunse correndo per scrivere: «Giupa a Toni15: avercelo!» e «Giupa a Ciccioprovy: vi serve per la maschera di bellezza?».

Attimi di silenzio e di calma seguirono, gravi di un’aria pesante e sinistra. Improvvisamente uno scalpiccio concitato provenne dal Salon de la guerre, era la Contessa d’Artois in persona che correva con un gesso in mano, e scrisse a caratteri cubitali sulla grande lavagna: «Heidielesuepecorelle ha scritto qualcosa nel gruppo Versailles no Bara: VAIOLOOOOOOO! Chiamate il vescovooooo! Chiamate l’elemosiniereeeeee! Chiamate il Papaaaaaaaa!!!!!». Nel momento in cui gettò a terra il gessetto per scappare, ancora di corsa, un usciere la riconobbe e ligio al dovere la annunciò, nonostante non vi fosse nessuno nella Galerie de Glaces: “Madame la Contessa d’Artois!”. Nello stesso istante si scatenarono simultaneamente un tuono e un fulmine, mentre i cavalli lanciarono dei nitriti di paura.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...